Di cosa scrivo, in questo periodo?

Su EFP ho due long (storie a più capitoli) che sto portando avanti.

Prima di tutto, La città sommersa, che ho dovuto mettere momentaneamente in pausa per cause di forza maggiore. Devo rivedere i primi capitoli postati perché alcune cose mi stonano, e probabilmente dovrò correggerli. Si tratta di una storia di genere fantasy che avevo scritto per la prima volta nel ormai lontano 2007. La protagonista si chiama Sue e insieme ai suoi fratelli più piccoli finisce in un altro mondo dopo un incidente aereo. 

Sue, Chris e Rachel sono tre fratelli rimasti orfani dopo un incidente che aveva coinvolto i loro genitori. La ventenne Sue, dai capelli rossi così accesi e folti da essere oggetto di esclusione da quando era bambina, crede di essere vittima di una maledizione che quando è nata le ha costato l’abbandono della sua madre biologica. Il tredicenne Chris è in perenne lotta con se stesso e il suo unico obiettivo resta quello di vegliare sulle sorelle. La decenne Rachel vorrebbe solo una casa per lei, i fratelli e la sua amata gatta Wanya, dalla quale non si separa mai.
Un giorno arrivò una lettera indirizzata alla maggiore con l’atto di proprietà di una casa appartenuta alla madre biologica, scritta da un singolare signore che invita loro a raggiungerlo a Viletjetown.

Water Lake è un suo spin-off prequel, sempre fantasy, ambientato cinquanta anni prima de La città sommersa. L’aggiornamento dei capitoli è regolare e avviene ogni lunedì; è una minilong, dopotutto, i capitoli sono in tutto solo 11. I protagonisti sono due, il ladro Victor e la principessa Gazheel, insieme alla ricerca di un lago con dell’acqua in grado di riportare in vita i morti.

La città sommersa, anno 456. Victor Ubhardt è felice di avere un nuovo compagno di prigionie, ma quando scorge nel nuovo arrivato una ciocca di capelli rosso fuoco, capisce c’è qualcun’altra dietro quel mantello logoro da contadina. Così distanti e apparentemente diversi, il ladro e la principessa scopriranno di avere in comune più cose di quanto pensassero, intraprendendo un viaggio verso la Zus’la, il lago della vita.

Sul mio pc invece sto portando avanti altri progetti. Primo fra tutti la rivisitazione di una storia già conclusa, o meglio, la sua prima e seconda parte sono concluse. Si tratta de Le Ali bianche, un progetto che mi sta molto a cuore, di stampo sovrannaturale e fantasy. Prima si chiamava The white Wings e su EFP figura ancora con questo nome, poi ho preferito tradurre. I primi due libri della saga sono completi ma ho deciso di riprenderli in mano per sistemarli, aggiungere o modificare qualche scenetta, correggere gli errori, sistemare dei capitoli troppo lunghi e tagliarli e così via. Al momento sono alle prese con Il mistero del maniero illuminato, il primo capitolo della saga. Una volta conclusa, passerò a Le radici della pietre celeste, il secondo. Su EFP cancellerò le versioni postate non appena inserirò le nuove.

Ellie ha diciassette anni, primogenita di una famiglia americana benestante media, frequenta il liceo con un medio rendimento scolastico, ma proprio in quest’ambiente non è quella che tutti definirebbero una ragazza che passa inosservata: grazie un po’ alla sua fama creata nelle risse di quartiere di qualche tempo prima è famosa e rispettata da tutti e, soprattutto, è celebre per aver un gran numero di ex ragazzi alle spalle. Ellie sa di essere bella e gioca con i ragazzi spesso e volentieri, ridendo alle loro spalle con la sua migliore amica Charlize Bennot.
Ben Clayton era stato il suo ragazzo ai tempi delle medie, ma ancora oggi la perseguita con lo scopo di volerla riconquistare, con una vendetta che però risuona nella sua testa da troppo tempo, ormai.
Proprio nel tentativo di sbarazzarsi una volta per tutte del ragazzo, Ellie s’imbatte in un misterioso castello con la fama d’illuminarsi ogni notte, da solo, forse per via di fantasmi; qui il nome di “castello illuminato”.
Presto però capirà che attorno al maniero vi è un mistero ben più grande che non ha a che fare con fantasmi, ma con un mondo nascosto, una guerra, un’incredibile avventura che porterà la ragazza di fronte a delle scelte, alla base di una crescita, alla scoperta del vero amore, di fronte a delle realtà che mai avrebbe immaginato, tutto dietro al passato dimenticato di un’anziana signora.

Una volta finiti i primi due capitoli della saga, posterò su EFP il terzo, Il diadema della Dea Miijiho, ancora inedito. Anche perché lo sto ancora scrivendo, sono agli inizi.

Le Ali bianche però non è il solo che sta prendendo il mio tempo, ultimamente. Sto scrivendo un’altra storiella che conta solo tre capitoli, sovrannaturale, e che spero di finire in tempo, considerando che la devo terminare per un contest sul Forum di EFP. In verità questa storia mi sta facendo dannare, anche se molto corta. Il problema è che ho avuto la brillante idea di ambientarla qui, e non intendo il nostro mondo, ma proprio qui dove sono io, nella mia regione, la Sardegna. Per me è molto difficile trattare storie ambientate in Italia, figurarsi proprio qui. Questo ritarda molto i miei progressi con questa storia, sono ancora al primo capitolo e devo finirla subito, ho di tempo poco meno di un mese. Speriamo in bene o dovrò ritirarmi :/

Ho iniziato a scrivere anche un’altra minilong a tempo perso e un’altra ancora che sarà sempre uno spinoff prequel de La città sommersa, ma sono entrambe in pausa.

Eh sì, il mio cervello è in realtà molto più veloce di me che scrivo.

Annunci

3 thoughts on “Di cosa scrivo, in questo periodo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...