Tanabata: esprimi un desiderio

tanabata,col7Ieri 7 luglio era la festa del Tanabata, festa culturale giapponese con protagonisti le stelle e i desideri. La festa consiste nello scrivere un desiderio su un tanzuki (striscia di carta colorata) ed appenderlo fra i rami del bambù, in questo modo, durante la notte, al ritrovo delle stelle Orihime e Hikoboshi (le nostre Vega e Altair) potrebbero avverarsi i desideri.

tanabata

È una festa che ti dà da pensare, o almeno per me è stato così. Non sapevo cosa chiedere, molte cose per la testa e niente di preciso; tanti desideri, in fondo, troppi. Alla fine ho risolto con qualcosa di semplice che racchiudesse ogni cosa o quasi e ci ho fatto sopra un disegnetto scemo. Il bambù nel giardino è troppo piccolo, così ho appeso il mio tanzuki alla finestra vicino al mio teru teru bozu (bambolina che scaccia la pioggia). Avrei dovuto colorarlo ma l’ho fatto all’ultimo momento; spero che non abbia dato fastidio a Orihime e Hikoboshi XD

foto (2) - Copia

E voi sapevate di questa festa? Ci avete mai provato? Sapete della leggenda di Orihime e Hikoboshi? No? Eccola qui 🙂


Il pastorello Hikoboshi un giorno si recò con il suo bue magico presso un fiume dove le dee tessitrici stavano facendo il bagno, e rimase affascinato dalla più giovane di esse, Orihime. Il bue gli suggerì di rubare il vestito alla fanciulla e di nasconderlo dietro a una roccia.

Hikoboshi obbedì e Orihime non potè seguire in cielo le altre ninfe perché non era in grado di volare senza la sua veste. Il pastore le chiese di diventare sua moglie ed ella dopo qualche esitazione accettò la proposta. Si unirono in matrimonio e dopo alcuni anni ebbero un figlio e una figlia.

Un giorno la tessitrice chiese al marito di restituirle il suo abito e questi, pensando che ormai fosse inutile tenerlo nascosto, glielo riconsegnò, ma quando ella lo indossò sparì subito nel cielo, lasciando Hikoboshi a bocca aperta. Il bue gli disse allora di attaccarsi alla sua coda così l’avrebbe portato in cielo insieme ai suoi figli. Giunto nella volta celeste, il pastore si recò al Palazzo dell’Augusto di Giada, Imperatore del Cielo e padre di Orihime. Gli riferì quanto era avvenuto e lo supplicò di ridargli sua moglie. L’Augusto chiamò sua figlia per conoscere le sue ragioni ed ella gli disse di amare suo marito e i suoi bambini, ma che essendo una creatura celeste non poteva più vivere sulla Terra. Il padre di Orihime quindi prese una decisione: il giovane pastore avrebbe ricevuto l’immortalità così da poter vivere in cielo, ma, come punizione per i loro inganni, i due sposi sarebbero stati separati per sempre da un fiume celeste, la Via Lattea. I due innamorati piansero amaramente e andarono mestamente a collocarsi nei luoghi assegnatigli dall’Augusto. Gli dei però ebbero pietà dei due innamorati e chiesero all’Augusto di alleviare la loro pena, e alla fine, egli concesse agli sposi di potersi incontrare una volta all’anno, il 7 luglio.

bytetsu420 - CopiaDa allora Hikoboshi e Orihime ogni 7 luglio si riabbracciano piangendo di gioia nel mezzo della Via Lattea, poiché tutte le gazze salgono in cielo con un rametto nel becco e intrecciano per loro un grande ponte sul bianco fiume di stelle. Ancora oggi, quando il cielo è sereno nelle notti d’estate, si può ammirare la Via Lattea e ai suoi lati le due stelle più grandi e luminose, Hikoboshi e Orihime.” (Quelle che noi occidentali chiamiamo Altair e Vega).


Copia-incollato da filastrocche.it, che ringrazio 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...