Omofobia in famiglia: il realismo di Jenny’s Wedding

jennys_wedding_posterQualche giorno fa mi sono vista Jenny’s Wedding, il film diventato famoso per la coppia telefilmica composta da Isobel Stevens di Grey’s Anatomy e Rory Gilmore di Gilmore Girls. Di film a tema lesbico ne ho visti un bel po’, a tema LGBT in generale meno ma, fra tutti loro, questo è senza dubbi il più vero. Non è il mio preferito, per piacermi tremendamente come altri doveva possedere altre caratteristiche, ma è di tutt’altro stampo per rientrare in una classifica del genere. Jenny’s Wedding è una commedia reale e si concentra su un aspetto reale della vita, non è nato per raccontare una semplice storia d’amore: questa è la differenza più sostanziale. 

Jenny è una donna come altre, è gay e convive con la sua compagna Kitty da cinque anni ma, per tutta la sua famiglia, lei è una donna single che “non ha ancora trovato l’uomo giusto perché esigente”, e convive con una coinquilina. Parlando d’amore con suo padre, Jenny ha l’illuminazione, qualcosa in lei si accende come una miccia che la porterà ad esplodere nel corso del film: si jennys-weddingaccorge che vuole di più, che vuole una vita come quella di tutti gli altri e che è arrivato il momento di smetterla di nascondersi, perché vuole sposarsi e mettere su famiglia.
Da quel momento in poi, il film cresce con una situazione che diventa sempre più grande e ingestibile, con l’omosessualità di Jenny che diventa più visibile, creando un problema per la sua famiglia. Inizialmente ne parla con la madre che le chiede di dirlo a suo padre ma di tenerlo segreto a tutti gli altri, con l’assurda motivazione spinta di una donna che, all’improvviso, vede il suo mondo e sua figlia cambiare per sempre ai suoi occhi, con paura che possa cambiare anche per gli altri, pregandola di lasciare tutto com’è: lei deve viverci con quelle persone. Sua madre mette egoisticamente e quasi senza pensarci se stessa al primo posto, terrorizzata dalla nuova realtà. Jenny in un primo momento accetta, ha paura e vuole bene a sua madre, e mente a sua sorella, facendole capire di essersi innamorata di un uomo sposato con cui non poteva stare. 8775771_f496Suo padre, al contrario, sembra averla presa leggermente meglio e le sta accanto quando può, tanto che è poi difficile capire come possa cambiare il loro rapporto nel corso del film, quando Jenny mette “in mostra” se stessa (che è quello che poi fanno tutti. Gli eterosessuali). La situazione cambia quando sua sorella scopre Jenny e Kitty in un negozio di abiti da sposa e le vede baciarsi.
Il film non è incentrato sulla relazione di Jenny e Kitty, ma sulla famiglia di Jenny e i loro legami, su come preferiscono la loro omofobia (anche velata, e perfino standoci male) alla loro figlia. Mi è piaciuta molto la metafora del prato della sorella di Jenny che, quando ha visto la sua felicità, si è accorta di non esserlo altrettanto, mettendo in discussione il suo rapporto con il marito che trascurava lei e i loro figli, come il vialetto della loro casa, perennemente marcio.

Non ho citato la discussione fra Jenny e sua madre a caso: quella scena è così vera che l’ho vissuta. Ho riscontrato tantissime similitudini fra questo film e la vita vera; talmente che dovevo mettere pausa e pensarci, o arrabbiarmi, o ridere. È un film che mi ha toccata: mi ha fatto innervosire ma mi ha dato speranza. Lo consiglio a tutti, in special modo ai genitori di figli omosessuali.

Pro: è un film reale che emoziona. Finisce bene. La metafora del prato è qualcosa che mi accompagnerà nella vita, me lo sento.
Contro: poca Kitty e poche scene d’amore, poco sentimento fra le due. Si baciano forse due volte, e il personaggio è davvero troppo messo da parte.

Intanto, Jenny’s Wedding mi ha messo addosso una gran voglia di rivedere i miei film a tema preferiti ❤

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...