Info!02 La città sommersa

La città sommersa è un mondo a sé particolarmente strano. Non è possibile arrivarci dall’universo, non è possibile identificarlo e trovarlo, è piccolo e sfuggevole e come se avesse vita propria decide di mostrarsi solo quando ne ha voglia e a chi vuole. In realtà non ha una sua posizione fisica da nessuna parte, in nessun punto, e si appoggia ad altri mondi per esistere. È da lì che è possibile arrivarci: da ovunque, se si vuole e se La città sommersa stessa vuole.
La città sommersa era piccola agli inizi, comprendeva solo Viletjetown ed è diventata più grande nel tempo, acquisendo nuove terre e mari quando ne sentiva bisogno. È totalmente diversa da qualsiasi altro mondo.
Il centro de La città sommersa è Viletjetown; il castello è il centro di Viletjetown e quindi il centro esatto de La città sommersa.

1006088_1552658988286509_6979157959531324221_n


Si può arrivare a La città sommersa tramite un viaggio, in aereo, conoscendo le coordinate, come è successo per Sue, Chris e Rachel. Oppure aprendo una porta, nuotando in mare e risalendo in superficie, passando sotto un cavalcavia ecc. Questo capita perlopiù agli ignoti, coloro che La città sommersa vuole che la scoprano, altri possono ricercare un’entrata e vedere se riescono nell’intento. Per chi usa la magia è più semplice e può aprire un varco quando vuole, se sa come, ma non è possibile farlo da ovunque.


La città sommersa ha solo abitanti di altri mondi che hanno deciso di stabilirsi lì a parte qualcuno. Qualcuna a dir la verità, ovvero le donne dai capelli rossi. Ogni donna dai capelli rossi avrà per primogenita una figlia dai capelli rossi per succederle e sono le uniche che possono “vantarsi” di essere parte integrante di quel mondo al 100%. Se una donna dai capelli rossi ha più figli, nessuno di loro avrà i capelli rossi a parte la prima, che sarà sempre femmina.


La città sommersa ospita chiunque voglia nel suo mondo: ha il potere di incantare gli ignoti, dà loro ciò di cui vanno a cercare, e così questi possono decidere se restare oppure tornare da dove sono venuti. Sembra che a La città sommersa piaccia “rapire” la gente ma in verità ognuno è libero di andare, se vuole. E SE riesce. Molti ormai sono nati e cresciuti lì, figli o nipoti di ignoti o di persone che per “errore” si sono ritrovate catapultate in un altro mondo e per loro restare non è una scelta, sono semplicemente a casa. Molti dopotutto ormai hanno generazioni che vedono secoli a La città sommersa e non conoscono neppure il loro “luogo” di origine; sono ormai parte integrante di quel mondo, come Lojie, Tiya e i signori Fujaa.
Diverso discorso per gli animali: alcune specie vengono importate a La città sommersa proprio come succede con le persone, cioè tramite viaggi indesiderati o desiderati, ma molte sono creature nate in quel mondo da quel mondo; come le terre che si sono espanse quando La città sommersa ne sentiva bisogno, sono arrivate nuove specie e, con loro, anche le piante e i fiori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...