Nuova fan fiction: 4A – A Shoot Spinoff: Untitled

Come avevo scritto in alcuni passati articoli qui sul blog, mi ero appassionata a Person of Interest e in particolare a Root e Shaw. Erano diventate la mia coppia telefilmica preferita insieme alle Clexa di The 100 ma, proprio come loro, non hanno avuto giustizia in tv. Person of Interest è finito ed è finito malissimo, per quel che mi riguarda (scriverò un articolo per spiegare il mio punto di vista), tanto è vero che, per scappare dall’orrore in cui la visione dell’episodio 5×10 mi ha confinata, ho deciso di scrivere una fan fiction che per un po’ ha continuato a ronzarmi in testa con insistenza e ho ceduto. E siccome una fan fiction è fantasia e si può anche “esagerare”, il mio testo non solo tratterà della coppia Root/Shaw (Shoot), ma anche quella composta dalle attrici che le interpreta(va)no: Amy Acker e Sarah Shahi (Shacker).

A partire da oggi e così via per altri nove lunedì pubblicherò la fan fiction qui sul blog, su EFP e su Wattpad.

CLICCATE QUI PER LEGGERE IL PRIMO CAPITOLO
Buona lettura ^_^

Link per EFP
Link per Wattpad

Ps. Da oggi in poi, su in alto c’è anche il menù a tendina “fan fiction”: la troverete lì!

Annunci

Orlando: Immagina ma non pregare, fai qualcosa

Immagina una società dove gli orientamenti sessuali della gente non contano più della discussione sulla pizza.
Immagina di una coppia omosessuale che si sposa e invita amici e parenti come una etero qualsiasi, che sia sulla spiaggia, in un ufficio comunale o una chiesa, una moschea.
Immagina di un bambino e di una bambina che crescono sereni sapendo che i loro genitori non li sbatteranno fuori di casa da adolescenti se il primo bacio lo daranno a un maschio o a una femmina.
Immagina la politica che non attacca il privato della gente creando spaccature fra una categoria o l’altra.
Immagina di un padre che non trasmette al figlio il suo odio per un orientamento sessuale, giustificato da una religione e da un libro scritto troppi anni fa per contare più delle persone.
Immagina di un Omar Mateen che è cresciuto sapendo che se è attratto da un uomo o da una donna è uguale.
Immagina di una ragazza che una sera è andata a ballare e lunedì mattina va all’università perché vuole diventare infermiera.
Immagina di una mamma e suo figlio che vanno a ballare nello stesso locale e si divertono tutta la notte.
Immagina di un ragazzo che è a ballare nello stesso locale e invia un messaggio a sua madre per dirle che sarebbe tornato tardi, di non aspettarlo alzata. Che le vuole bene.
Immagina di una coppia di ragazzi che balla nello stesso locale e festeggia la loro storia insieme, perché presto si sposeranno.
Immagina di una ragazza che è nello stesso locale ma non sta ballando perché lavora lì ed è felice del suo lavoro.
Immagina di due ragazze, amiche da anni, che ballano nello stesso locale e sanno che resteranno amiche per sempre.
Immagina il locale pieno di persone gay, etero e bisessuali che si divertono e la sera tornano a casa dai compagni, dai genitori, dai figli, e l’indomani al lavoro o forse no, a scuola; e poi che partono per una vacanza, che fanno nuove amicizie, che fanno nuovi sogni.

Immagina. Immagina perché non puoi fare altro, sono tutti morti.

.

victims-pulse-orlando-shooting

.



Adesso non voglio dire che le cose non si sarebbero svolte lo stesso, ma voglio dire che l’omofobia è il mandante e ha caricato il fucile di una persona disturbata. Questo sì. Questo lo voglio dire.



 

Non pregate per Orlando e per loro, fate qualcosa: l’omofobia deve morire, e solo allora loro non saranno morti invano.



 

Il mistero del maniero illuminato gratis per due giorni

6pic copy - Copia

Era da tanto che ci pensavo, volevo sperimentare questa cosa e, appena mi sono decisa a farlo per la festa della donna, avevo passato la mezzanotte e l’8 non era più disponibile… ma fa nulla (^^’), rende il tutto un po’ più “personalizzato”, dunque per due giorni, il 9 e il 10, l’ebook de Il mistero del maniero illuminato su Amazon è disponibile gratis!

Per la festa della donna perché? Perché molti miei personaggi sono donne e sono donne forti, o capricciose, testarde, furbe, romantiche, ironiche, stronze, infantili, spiritose, ciniche… Sono donne. Grandi e piccole. E c’è anche l’amore fra donne.

Cliccate sull’immagine di sopra per scaricarlo gratis domani e giovedì! piuma

Ed è subito ship!

Decidete di cominciare la visione di un telefilm, all’improvviso entra in scena un personaggio che inizia subito a interagire con un altro e boom, qualcosa accade. È come quando ti innamori, senti qualcosa: le orecchie si drizzano, i peli delle braccia anche, gli occhi si spalancano e la mascella pure. E alla fine esclami “… ed è subito ship!”.
È una cosa naturale, ti viene da dentro, non scegli le ship. Sono le ship che scelgono te! (Ok, qui sto esagerando XD)
Ebbene, proprio per ieri che era San Valentino ho deciso di buttare giù questo articolo sulle mie ship telefilmiche del momento ❤ (Con del momento intendo quelle che vedo attualmente o che sono entrate nel mio cuore da breve tempo, altrimenti uscirebbe un articolo troppo lungo XD)
Nota: le ship non sono in ordine di preferenza o chissà cos’altro, ma assolutamente casuali!

E via alle ship!

Continua a leggere

Aggiornamento. Ovvero, esisto ancora!

Sì, è da tanto che non mi faccio sentire: quando sono troppo immersa in qualcosa, finisco per esserne inglobata talmente che sparisco dalla faccia della Terra. No quindi, non succede solo con il blog. Chiedetelo ai miei amici XD  Continua a leggere

Omofobia in famiglia: il realismo di Jenny’s Wedding

jennys_wedding_posterQualche giorno fa mi sono vista Jenny’s Wedding, il film diventato famoso per la coppia telefilmica composta da Isobel Stevens di Grey’s Anatomy e Rory Gilmore di Gilmore Girls. Di film a tema lesbico ne ho visti un bel po’, a tema LGBT in generale meno ma, fra tutti loro, questo è senza dubbi il più vero. Non è il mio preferito, per piacermi tremendamente come altri doveva possedere altre caratteristiche, ma è di tutt’altro stampo per rientrare in una classifica del genere. Jenny’s Wedding è una commedia reale e si concentra su un aspetto reale della vita, non è nato per raccontare una semplice storia d’amore: questa è la differenza più sostanziale.  Continua a leggere

Il legame tra genitori e figli trascende il biologico. L’Italia ha bisogno di leggi giuste e subito

Quando si parla di gay e figli succede un finimondo. Ogni volta. Agli italiani piace tanto parlare di qualcosa di cui in verità non sanno nulla: si riempono la bocca di frasi fatte – ai bambini serve un padre e una madre!! I bambini non si comprano (?)!! I bambini qui, i bambini là, difendiamo i bambini (anche se non si da cosa) – ma la realtà invece è molto più complessa di quella che loro (non) sanno. Le chiamano opinioni, ma ignorano i fatti; e in fatti non si discutono. Quando si parla di realtà, ci sono casi come quello di Miriam, otto anni, figlia di due madri. Continua a leggere