Che palle queste relazioni etero!

Eccomi tornata con un titolo che ricorda lo scorso articolo, non per niente ne è strettamente collegato. Se non sapete di cosa sto parlando, fate un passo indietro e leggete qui, altrimenti buona lettura!
Ah, piccolo avviso: farò spoiler sull’episodio 13 seconda stagione di Supergirl andato in onda ieri notte negli USA (io lo guardo in diretta dal canale americano la notte): sono spoiler strettamente necessari o mi asterrei, mi spiace!

. Continua a leggere

Che palle tutte queste coppie etero!

Ho avuto la vostra attenzione con questo titolo? Lo spero.
Bentornate e tornati sul mio blog! Questo è il mio primo articolo dell’anno, ed è parecchio tardi, vedo, siamo quasi a fine gennaio, ma quando l’ispirazione scarseggia, è difficile riuscire a scrivere anche solo una riga…
Allora, perché questo titolo? Di cosa parlerà il mio primo articolo dell’anno? Di una piccola iniziativa! Seguitemi…

Continua a leggere

Orlando: Immagina ma non pregare, fai qualcosa

Immagina una società dove gli orientamenti sessuali della gente non contano più della discussione sulla pizza.
Immagina di una coppia omosessuale che si sposa e invita amici e parenti come una etero qualsiasi, che sia sulla spiaggia, in un ufficio comunale o una chiesa, una moschea.
Immagina di un bambino e di una bambina che crescono sereni sapendo che i loro genitori non li sbatteranno fuori di casa da adolescenti se il primo bacio lo daranno a un maschio o a una femmina.
Immagina la politica che non attacca il privato della gente creando spaccature fra una categoria o l’altra.
Immagina di un padre che non trasmette al figlio il suo odio per un orientamento sessuale, giustificato da una religione e da un libro scritto troppi anni fa per contare più delle persone.
Immagina di un Omar Mateen che è cresciuto sapendo che se è attratto da un uomo o da una donna è uguale.
Immagina di una ragazza che una sera è andata a ballare e lunedì mattina va all’università perché vuole diventare infermiera.
Immagina di una mamma e suo figlio che vanno a ballare nello stesso locale e si divertono tutta la notte.
Immagina di un ragazzo che è a ballare nello stesso locale e invia un messaggio a sua madre per dirle che sarebbe tornato tardi, di non aspettarlo alzata. Che le vuole bene.
Immagina di una coppia di ragazzi che balla nello stesso locale e festeggia la loro storia insieme, perché presto si sposeranno.
Immagina di una ragazza che è nello stesso locale ma non sta ballando perché lavora lì ed è felice del suo lavoro.
Immagina di due ragazze, amiche da anni, che ballano nello stesso locale e sanno che resteranno amiche per sempre.
Immagina il locale pieno di persone gay, etero e bisessuali che si divertono e la sera tornano a casa dai compagni, dai genitori, dai figli, e l’indomani al lavoro o forse no, a scuola; e poi che partono per una vacanza, che fanno nuove amicizie, che fanno nuovi sogni.

Immagina. Immagina perché non puoi fare altro, sono tutti morti.

.

victims-pulse-orlando-shooting

.



Adesso non voglio dire che le cose non si sarebbero svolte lo stesso, ma voglio dire che l’omofobia è il mandante e ha caricato il fucile di una persona disturbata. Questo sì. Questo lo voglio dire.



 

Non pregate per Orlando e per loro, fate qualcosa: l’omofobia deve morire, e solo allora loro non saranno morti invano.



 

Orlando: ancora omofobia

Sappiamo tutti cos’è successo a Orlando, in Florida: un pazzo è entrato in un locale gay e ha fatto fuoco, uccidendo 50 (CINQUANTA) persone, e ferendone 53.
Non mi voglio dilungare. Sarà che non ho ancora abbastanza parole se non rabbia, se non tristezza, se non lutto.  Continua a leggere

Minority stress e serie tv

Mi sono riletta lo scorso articolo, quello sull’Effetto Heda, e ho notato che manca di un piccolo approfondimento sul minority stress che in questo momento ritengo importante. Se non sai cos’è, ti consiglio di leggere la definizione di minority stress prima di continuare la lettura: in inglese, in italiano.
(Manco a dirlo, anche qui, se non seguite la programmazione di The 100 americana allora è meglio non leggere, perché ci sono ovviamente degli spoiler)

Continua a leggere

L’Effetto Heda

 

Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo

L’Effetto Farfalla dei nostri giorni è l’Effetto Heda, voglio chiamarlo così. Di cosa si sta parlando? Leggete l’articolo ma, ATTENZIONE, se non seguite la programmazione americana di The 100 allora ve lo sconsiglio, perché sarà spoiler a tutto spiano, e anche abbastanza pesanti.

Continua a leggere

Il mistero del maniero illuminato

Ecco, sono qui. È stato un lavoro lungo e faticoso, fra mal di testa, cioccolato per ricaricare le mie energie anche se non dovrei mangiarne, notti insonne, mille programmi più uno per modificare i pdf e gli html e trafficarci sopra, guerre su Amazon ma mai quanto Createspace, giorni spesi a capire dove fosse il problema se qualcosa non andava, a ricaricare immagini e ad aumentarne il peso, a pensare a quello o quell’altro. Ma-ce-l’ho-fatta. Ce l’ho fatta!!
Il mio primo romanzo, Il mistero del maniero illuminato, è finalmente disponibile!
O almeno lo è in cartaceo, l’ebook su Kindle è aperto alle prenotazioni e sarà disponibile l’11 dicembre!

È stato un lavoro più lungo e difficile per la versione cartacea, anche perché il file da caricare è su un formato particolare e ci mette delle ore; per questa ragione è molto più complicato doverlo sostituire se si vuole cambiare qualcosa. Mentre per la versione su Kindle di Amazon è un lavoro più veloce, ma la formattazione, che deve essere in html (e non la si può fare convertendo il file pdf perché viene su una schifezza improponibile), dà qualche problema se non si è abituati a smanettarci sopra o se si vuole un font specifico con immagini ecc (non è possibile).
Ho trovato online varie guide che mi sono state d’aiuto, ma ho riscontrato problemi che forse per altri erano scontati, non so, e non ho trovato risposta da nessuna parte, così penso proprio che scriverò un articolo sulla mia esperienza in proposito ^_^ Roba spiccia, ma che potrebbe essere utile a qualcuno che vuole affrontare lo stesso percorso!

E così, finalmente pubblicato Il mistero del maniero illuminato! Il primo volume della trilogia Le Ali bianche.

copertina pngLo trovate quindi su Amazon

in CARTACEO

in ebook su KINDLE (dall’11 dicembre, ma è già aperto a prenotazioni)

(In futuro potrebbe essere disponibile anche altrove; aggiornerò quando sarà)


  • Per chi vuole darci un’occhiata, ho preparato un file di anteprima gratuita che potete trovare qui:
    in epub  
    in mobi
    o in pdf
    L’anteprima arriva fin quasi al capitolo 6.

Condividetelo, se interessati, mi fareste un gran favore aiutandomi a spargere la voce ^_^

Sinossi: 

Ellie ha smesso di credere a tutto ciò che non può vedere né toccare quando ha scoperto che la realtà può essere molto divertente. Spiritosa, bugiarda, sa di essere bella e gioca con i ragazzi spesso e volentieri, ridendo alle loro spalle con la sua migliore amica Charlize.
Ben è stato suo ragazzo ai tempi delle medie; per avergli spezzato il cuore, medita vendetta e così accetta, quando la ragazza gli propone una sfida di coraggio al noto ‘Castello illuminato’ poco fuori città.
Disabitato, il castello si illumina da solo ogni notte e nessuno a Creamdale osa avvicinarsi per paura di una qualche ritorsione sovrannaturale.
Il piano è semplice: entrare, spaventarlo e trovare un letto comodo per passare la notte. Ellie non crede ai fantasmi e nemmeno di poter avere paura ma, quando vede un’anziana signora passare attraverso una parete, tutto cambia. Il suo mondo di vedere e toccare si scontra a tutta velocità con qualcosa di nuovo, insolito e impossibile, quando varca l’ombra su quel muro e scopre un luogo misterioso dal cielo rosso come il suo non è mai stato.
Ma il mondo nascosto è pericoloso. Nella guerra contro uomini dall’aspetto mostruoso al servizio di un principe dispotico, sceglierà di lottare dalla parte degli ultimi angeli dalle ali bianche, la famiglia reale chiusa all’interno del proprio castello, protetti da un patto che tiene lontane le ali nere. Nella sua ascesa a diventare cavaliere, Ellie legherà irrimediabilmente il suo destino con quello della principessa.