Non sono brava a scrivere

Non sono brava a scrivere. Mettiamolo in chiaro, magari dovevo chiamare così il mio blog; non mi sembra di averlo tenuto nascosto. Non sono brava a scrivere e lo so, esattamente come non sono brava a fare nient’altro; sono sempre stata quella mediocre, appena sufficiente, che non emerge in nulla. Non c’è novità.
Perché scrivo questo? Perché ho finalmente ricevuto la mia prima recensione negativa su Amazon (la stavo aspettando, non lo dico tanto per fare, prima o poi sarebbe arrivata) e siccome chi l’ha scritta ha dichiarato di leggere il mio blog… beh, scrivo l’articolo sapendo che potrà leggerlo!

Continua a leggere

Parliamo di Person of Interest. Parliamo di Root

C’era una volta una bambina. Era piccola e psicopatica, le avevano dato un nome e uno scopo, mentre, intanto, cucivano per lei un grazioso vestitino. Il vestitino non era ancora pronto e gli anni passavano: la bimba piccola e psicopatica diventava grande e indipendente, si ritagliava una vita sua, una vita migliore. E poi il vestitino fu pronto e cercarono di farglielo indossare, ma ormai le stava stretto. Non era più della sua misura; non era adatto a lei ma la costrinsero lo stesso a usarlo. E infine le spararono.

Ecco, questo è il sunto in metafora di ciò che è successo a un personaggio che amavo, ho amato, che amo e amerò per sempre: Root di Person of Interest.

Se non avete seguito la programmazione americana e non volete spoiler: state alla larga da questo articolo. O leggetelo. Così vi preparate al peggio.  Continua a leggere

Attraversiamo il Passaggio nella Torre #1

Eccomi di ritorno, questa volta per parlare del mio romanzo!
Questo sarà il primo di una serie di articoli che tratteranno diversi aspetti de Il mistero del maniero illuminato, dai personaggi all’ambientazione, dalla figura degli angeli alla magia, eccetera. Oggi si parlerà di tre personaggi principali ^_^

Attraversiamo 1 personaggi

Continua a leggere

Inkheart: quando i nostri mondi prendono vita

Ieri notte ho (ri)visto Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro e più che mai come in questo periodo che sto scrivendo parecchio l’ho apprezzato così tanto.
Se non avete ancora visto questo film, fate presto a recuperarlo, perché è una vera perla. La trama vede protagonista un uomo dalla capacità rara di rendere vivo ciò che legge, trasportando non solo oggetti ma anche le persone dei libri nel proprio mondo e viceversa, chiamato Lingua di Fata. Nella scoperta di questo incredibile dono, ha fatto l’errore di portare nel suo mondo l’uomo protagonista di un libro ma, soprattutto, di scambiarlo con sua moglie, imprigionandola in quelle pagine. Il film  continua fra nemici potenti e creature provenienti dai più famosi libri, come le scimmie volanti de Il mago di Oz e il Minotauro.

Da scrittrice (o almeno una che ci prova, Continua a leggere